2022.11 Pedagogia dell’arte e sperimentazione artistica del bambino attraverso i materiali di recupero

Presentazione del corso

L’arte e la creatività rivestono un ruolo fondamentale nell’ambito dell’evoluzione infantile, basti pensare a numerosi pedagogisti che hanno evidenziato all’interno delle loro ricerche le infinite possibilità e potenzialità derivate dal suddetto linguaggio.

Fin dai primi anni di vita, il bambino scopre la realtà che lo circonda entrando in contatto con una moltitudine di stimoli, spazi e materiali, ciò determina il suo sviluppo futuro.

L’arte può diventare un’esperienza per accrescere e migliorare le capacità espressive, emotive, cognitive, logiche e motorie.

Anche il gioco, che riveste una parte preminente della sua espansione, diviene mezzo per poter implementare le sperimentazioni creative.

Obiettivi

  • Acquisire maggiore consapevolezza degli strumenti e dei materiali usati
  • Percepire la sperimentazione artistica come momento costruttivo e di arricchimento del bambino
  • Imparare a soffermarsi sul processo creativo senza includere come parte fondamentale il risultato finale
  • Presentare le proposte in ambito artistico avvalendosi di materiali di recupero, capendo l’importanza del riciclo I bambini sin da piccoli devono essere sensibilizzati alla suddetta tematica
  • Osservare l’opera d’arte e includerla nei processi educativi, percepirla come spazio di libertà

Contenuti

Questo percorso formativo prevede 2 incontri, di cui uno altamente esperienzale proposto presso il Museo in erba a Lugano. Questo faciliterà la sperimentazione del materiale a disposizione dei partecipanti.

Prima giornata, 12 novembre
Tematiche:

  • breve parte introduttiva per veicolare l’argomento arte in ambito educativo
    • John Dewey: l’arte come mezzo per far emergere l’energia creativa racchiusa nel bambino, l’importanza dell’attività creativa vista non come produzione di un “prodotto finito” ma come sviluppo di abilità e immaginazione
    • Bruno Munari: ideatore del primo laboratorio per bambini all’interno di un Museo, asseriva concetti cardine, quali: coltivare la spontaneità e la curiosità infantile e sviluppare la fantasia per rendere i bambini autonomi e consapevoli
    • Loris Malaguzzi: il metodo di Reggio Emilia, apprendimento auto costruttivo, introduzione nella scuola di atelier e laboratori, luoghi del “fare”, ponendo come punto centrale il processo realizzativo
  • l’arte e in particolar modo l’arte contemporanea come valido supporto per la sperimentazione e la scoperta anche nei bambini molto piccoli
  • panoramica con accenni a concetti, trasposizione in ambito educativo
    • Alberto Burri: la potenzialità dei materiali, il tatto, l’amplificazione dei sensi
    • Arman: l’accumulo di oggetti identici d’uso comune, parallelismo con il gioco euristico e possibilili declinazioni

Durante la seconda giornata, partendo dalle nozioni interiorizzate precedentemente, i partecipanti potranno cimentarsi in attività pratiche, materiali, sperimentazioni per liberare il loro potenziale artistico, la possibilità di vivere in prima persona l’atto creativo facilita la trasposizione futura e la comprensione della finalità educativa.

Seconda giornata, 26 novembre
Tematiche:

  • utilizzo di materiali di recupero. I materiali di recupero sono una fonte preziosa per il riciclo creativo, rappresentano un supporto facile da reperire, duttile e estremamente adatto alla primissima infanzia
  • esperienze sensoriali
  • sperimentazione di un laboratorio creativo


Metodologia didattica

Comprenderà momenti frontali, presentazioni audio e video, la visione di immagini evocative, momenti di scambio tra i corsisti, l’utilizzo di svariati materiali da poter sperimentare

Destinatari

Verrà data priorità ai Direttori/Responsabili e al personale educativo, anche in formazione, dei nidi dell’infanzia

Requisiti

Nessuno


Partecipanti

Massimo 10. Numero massimo raggiunto

Controllo dell’apprendimento

Attraverso feedback durante il corso

Attestato

A fine formazione verrà rilasciato un attestato di partecipazione pari a 6 ore. Per l’ottenimento dell’attestato è condizione indispensabile aver partecipato almeno al 80% del totale complessivo delle ore di formazione

Luogo, data e orario

Sabato 12 novembre 2022, dalle 9.00 alle 12.00, presso la sede di ATAN.

Sabato 26 novembre 2022, dalle 9.00 alle 12.00, presso il Museo in erba e Lugano.

Termine di iscrizione: 28 ottobre ore 23.59

Costo

Soci ATAN: 130 CHF

Non soci: 160 CHF

Formatrice

Emanuela Bergantino, educatrice nido d’infanzia AFC OSA assistenza all’infanzia, insegnante di scuola dell’infanzia, laurea Magistrale in DAMS (Discipline dell’Arte, Musica, Spettacolo) indirizzo storico artistico. Ha elaborato e realizzato progetti di arte e cinema, cercando di far emergere attraverso una mirata progettualità le capacità insite in ogni individuo.
Da dicembre 2013 è Responsabile didattica del Museo in erba di Lugano, collaborazione e ideazione mostre interattive, progettazione atelier creativi.
Si occupa di mediazione culturale, progettazione percorsi, laboratori creativi per i musei di Locarno (Casa Rusca, Museo Casorella).

Vuoi iscriverti?

[ameliaevents event=4 type=list]
Torna su