Asili nido, 'la ripartenza è quella giusta'

La Regione 25.05.2020 -

Cusini, coordinatore del'Atan: 'Ci sono stati disagi, ma il settore ha retto bene. Durante il lockdown ha garantito il servizio, ingegnandosi e aiutando il sistema'

di Jacopo Scarinci

Tra le varie ripartenze che ci sono state dopo l’allentamento delle misure sanitarie per fronteggiare il coronavirus, una "positiva" è quella degli asili nido. “Ci sono stati dei disagi, per carità. Ma il settore ha retto molto bene l’impatto del Covid-19 e altrettanto bene, seppur non in forma integrale con tutte le strutture, la ripartenza” spiega alla 'Regione' Giordano Cusini, coordinatore dell’Associazione ticinese asili nido (Atan). Certo, qualcosa da affinare c’è: “Le strutture hanno segnalato chiaramente tutti i disagi, che sono dovuti più che altro alle misure ordinarie cui si era abituati e che non sono più in uso: gli ingressi e le uscite con i famigliari, o il loro saluto, non possono avvenire con tempi e modalità come prima. Ha avuto di certo un effetto”.

'Stiamo riflettendo se sostituire le mascherine con delle visiere protettive, come nei bar'

E c’è un aspetto su cui l’Atan sta riflettendo: quello dell’utilizzo delle mascherine. L’intenzione, afferma Cusini, è “andare oltre”. Nel senso che “l’indicazione del medico cantonale agli operatori è di utilizzarle quando non si riesce a garantire la distanza sociale”. Che però “è difficile da mantenere durante attività come il cambio del pannolino o del pranzo o se, ad esempio, bisogna consolare un bambino che si è fatto male o ha bisogno di conforto”. Momenti dove la comunicazione visiva, la mimica sono fondamentali. E Cusini rileva come “per bambini sotto l’anno di età togliere la mimica facciale è togliere molte delle informazioni sociali che gli arrivano: i meccanismi sociali a quell’età sono molto diversi rispetto ai nostri, passano molto attraverso l’espressione”. E quindi? “E quindi la riflessione avviata da alcuni operatori, e anche da alcuni genitori, è quella di considerare se è possibile sostituire la mascherina con una visiera protettiva tipo quelle usate in bar e ristoranti”. Il tutto, assicura Cusini, “ponendo come priorità la tutela della salute del lavoratore e del bambino, perché la scienza non ha ancora escluso definitivamente che i piccoli non siano vettori del virus o possano contrarlo”.

Le strutture hanno retto bene

Durante questa pausa forzata sono comunque emersi problemi perché, continua il coordinatore dell’Atan, “quando è cominciato il periodo di ‘lockdown’ molti bambini hanno smesso all’improvviso di andare a scuola. Gli educatori hanno vissuto il disagio di vedere sfumare il tempo investito nell’ambientamento dei bimbi e nella creazione del gruppo, tasselli delicati e importanti”. La soluzione “creata ad hoc” è stata quella di ingegnarsi, “e molte strutture con i bambini dall’anno e mezzo in su si sono attivate con videoconferenze e appuntamenti di lettura per garantire una sorta di continuità ai legami, alla memoria. A quell’età deve esserci un allenamento costante nel tenere vivo il pensiero”.

'Se l'intero sistema ha retto è anche grazie agli asili nido'

La buona ripresa è stata garantita, osserva Cusini, “sia grazie alle misure precise da applicare sia alla professionalità degli operatori: il Canton Ticino è all’avanguardia e preso a modello da molti altri cantoni”. E, con una punta di orgoglio, nota come “i nidi non hanno mai chiuso l’attività, che è stata garantita sin da subito a medici, infermieri, o addetti al settore alimentare: tutte queste categorie hanno potuto conciliare famiglia e  lavoro in un momento senza ammortizzatori sociali come i nonni, che non potevano accudire i bimbi, solo grazie alle strutture per l infanzia. I nidi hanno offerto non solo un servizio alla famiglia, se non ci fossero stati una persona in ospedale non sarebbe stata curata adeguatamente perché il personale sarebbe stato numericamente inferiore”.

 

 

Contatti

Centro La Monda A
Via ala Munda 1/2
6528 Camorino

  • dummy+41 (91) 223 58 60

  • dummy info@atan.ch

Newsletter

inserisci il tuo indirizzo email e riceverai ulteriori dettagli...

LogoCampCOVID 19 bianco

Search